EDISON OPEN 4EXPO HA OSPITATO  L’ECONOMISTA JACKIE KRAFFT CHE RIVELA LA RICETTA PER TRASFORMARE LE PMI IN “GAZZELLE”, LE AZIENDE AD ALTO TASSO DI CRESCITA

 A Milano , il 25 giugno 2015, Edison ha aperto  le sue porte a una delle più autorevoli economiste europee. Jackie Krafft, ricercatrice del Centre National de la Recherche, il maggior istituto pubblico di ricerca in Francia, ha tenuto oggi una lectio magistralis nella sala Azionisti di Edison dal titolo “Anything new on governance and growth of firms in a context of innovation and eco-innovation? Issues and results”. Attraverso i suoi studi l’economista promuove azioni politiche più efficaci che partano da una più profonda comprensione della realtà economica dei Paesi.

Krafft è stata la terza ospite del ciclo di sette conferenze che Edison Open 4EXPO, in collaborazione con Fondazione Edison, dedica ai grandi economisti e personalità del mondo scientifico. Nel corso del suo intervento, la ricercatrice chiarisce innanzitutto che l’innovazione è da concepire come una “distruzione creativa”; ossia, come la capacità delle aziende di inventare nuovi prodotti da immettere sul mercato che andranno inevitabilmente a sostituire i precedenti, oltre che nella facoltà di immaginare nuovi metodi di gestione.

Non va però considerata il motore della crescita delle imprese, o almeno non di tutte. Secondo Jackie Krafft, lo è solo per quelle che definisce “gazzelle”, ovvero le imprese ad alto tasso di crescita, quelle che creano occupazione su larga scala, ma che costituiscono un’eccezione. È a questo tipo di aziende che conviene puntare sull’eco-innovazione – ossia sulla capacità di sviluppare prodotti e processi che contribuiscono allo sviluppo dell’azienda generando al tempo stesso valore aggiunto per la comunità -, per continuare a crescere e correre più veloci delle aziende concorrenti.

Altro punto da tener presente per la corretta crescita di un’azienda è la governance, che deve saper bilanciare le esigenze a breve termine dettate da azionisti e investitori con uno sviluppo di lungo termine. Una governancenon adeguata esercita,secondo Kraft, un’influenza negativa proprio sull’innovazione e, in particolare, sull’eco-innovazione. È alla luce di queste considerazioni, afferma Krafft, che è possibile analizzare punti di forza e debolezza dell’economia europea e trovare metodi di sviluppo innovativi che puntino a fare delle nostre imprese “gazzelle” in grado di correre nei mercati.

Nella Sala Azionisti di Foro Bonaparte, dopo Amartya Sen, Michael Landesmann e Jackie Krafft, continueranno ad alternarsi professori di levatura internazionale come Paul Allan David, candidato al riconoscimento del Nobel; Joel Mokyr, figura eclettica che è al contempo professore di Arte e Scienze e di Economia e Storia alla NorwesternUniversity di Chicago; Bina Agarwalche in India gode di una notorietà pari a Indira Gandhi per i suoi studi su povertà e ineguaglianza.

Infine, a chiudere il calendario di Edison Open 4 Expo, è stato il simbolo dell’eccellenza italiana nella ricerca scientifica, Fabiola Gianotti, la direttrice del Cern di Ginevra (prima donna a ricoprire questo ruolo), sotto la cui direzione sono state fatte conquiste eccezionali, come la scoperta del bosone di Higgs e, recentemente, il record di energia prodotta dalle collisioni delle particelle.

 

INTERVENTO DI JACKIE KRAFFT A EDISON OPEN 4EXPO

“Anything new on governance and growth of firms in a context of innovation and eco-innovation? issues and results”.

The aim of the proposed talk is to answer the following questions: What do economists mean when we they deal with governance of firms, firms growth, innovation and eco-innovation? What relationships do economists explore when they focus on these objects of study? The presentation will start with a definition of these concepts, and will proceed to the investigation of the possible relationships between these notions, stressing the main issues and results obtained so far at a theoretical and empirical level. The talk will deal with firms growth exploring questions like: Is growth a distinctive feature of SMEs? Is innovation an engine for firm growth? Is eco-innovation favorable to firm growth? On the issue of governance, the main lines of the research agenda will be: Is governance exclusively a concern for large firms? How governance affects innovation and eco-innovation? Is there a specific governance for high growth firms?

In terms of outcomes, the talk will underline some key evidence on growth. Growth does not represent a distinctive feature of SMEs, but is indeed a concern for all firms. Also, innovation is most of the time not an engine for firms growth, except for firms that show very high growth rates, i.e. largely above the average. For these firms, called the “high growth firms” or the “gazelles”, eco-innovation is much favourable as it allows all gazelles to run faster, and green gazelles to perform even better due to the derived demand from other (non green) gazelles. On the issue of governance, large firms are not the only ones having to comply with principles of corporate governance and corporate social responsibility. Virtually all firms that are willing to access external finance, be they large, small, old or young, have to adopt the attributes of a “good governance”. In the meantime, having a good governance means governing firms in the interests of the shareholders and the investors, and this may lead to short-termism in decision making. Governance may thus affect innovation and eco-innovation in a negative manner. In this context, patient capital concerned with long term, green objectives has to be developed and fostered if one wants to stimulate the creation of gazelles as leaders in terms of eco-innovation. By zooming in at a firm level, i.e. on the governance and growth of firms in a context of innovation and eco-innovation, it is possible to inform in a different manner the strengths and weaknesses of the EU economy and to explore potentially new ways to stir it out of the crisis.

 

 

 

 

Biografia

Jackie Krafft is a French economist recognized among the Top 25 authors in the EU. She is working in a multi-disciplinary research institute regrouping economics, law, and management (CNRS-Gredeg, Groupe de Rechercheen Droit, Economie, Gestion). She is at the origins of the research network ‘Eurkind’ analysing how knowledge, innovation and development should articulate for a better society in Europe. She is chair of the scientific committees of the international conference Governance of a Complex World (GCW), and of the summerschool Knowledge Innovation and Development (KID) of the network. Her main research topics are economics of the firm, economics of knowledge and innovation.

 

Fonte: Ufficio Stampa Edison Spa

Le news Edison in tempo reale su www.fondazioneedison.it e twitter.com/EdisonNews

***

Edison è tra i principali operatori in Italia ed Europa nell’ approvvigionamento, produzione e vendita di energia elettrica, gas e petrolio. Con i suoi 130 anni di storia  ha dimostrato di essere un’impresa all’avanguardia, contribuendo all’elettrificazione e allo sviluppo dell’Italia. Oggi opera in 10 paesi nel mondo in Europa, Africa, Medio Oriente e Sud America, impiegando 3.101 persone.

 

LEAVE A REPLY