Nell’immaginario collettivo l’architettura Sovietica non occupava certo un posto dignitoso.

In un’Europa che coltivava  la Pop-Art, l’architettura di massa sovietica era argomentata, anche tra gli addetti ai lavori, come  inumana, caratterizzata da facciate monotone, edifici pubblici in ruvido cemento, forme geometriche semplici, minimalismo e  mancanza di fronzoli decorativi.

Ovviamente questa convinzione era suffragata dai fatti, ma lo sperimentalismo albergava presso  l’Istituto di Ricerca Tecnico-Estetica, in fin dei conti la Russia è stata la patria  dei primati stellari.

Sorse tra la letteratura dei centri progettazione statali di edilizia pubblica, chiamati “Bureau”, un’architettura poetica ispirata tra le stelle  di Gagarin, un’architettura centrifuga dal classicismo staliniano che si apriva verso i territori che rivendicavano la loro libertà  da  Mosca.

 

 

 

 

 

 

 

_________________________________________________________________________

Pubblicazione gratuita di libera circolazione. Gli Autori non sono soggetti a compensi per le loro opere. Se per errore qualche testo o immagine fosse pubblicato in via inappropriata chiediamo agli Autori di segnalarci il fatto e provvederemo alla sua cancellazione dal sito

SHARE
Previous articleL’economia ad una svolta
Next articleG20 di #Sydney: scontro con i Paesi emergenti
Architetto, urbanista e analista di conflitti e questioni militari. Autore del manuale "Architetto. Manuale per l'esame di stato e per l'esercizio della professione".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.frontiere.eu/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

LEAVE A REPLY