Un nuovo studio pubblicato in questi giorni sulla rivista Science, ha avuto come scopo  il primo tentativo di quantificare in dettaglio di come le foreste stanno cambiando e scomparendo negli ultimi dieci anni. Il team di ricerca, guidato dal l’Università del Maryland, utilizzato immagini Landsat satellite images e  Google’s Earth Engine per assemblare nuove mappe dettagliate.

Alcuni punti di nota:

– La Terra ha perso 2,3 milioni chilometri quadrati di foresta tra il 2000 e il 2012 e ha aggiunto 0,8 chilometri quadrati. Questa è una perdita netta di un’area approssimativamente grande come l’Europa occidentale.

– La deforestazione è ancora in aumento nelle regioni tropicali di circa 2.101 chilometri quadrati all’anno, la  tendenza globale è evidente.

Una buona notizia: la deforestazione è stata molto bassa in Brasile negli ultimi dieci anni, grazie alla rigorosa applicazione delle norme di uso del territorio. Il Brasile  era il principale paese “deforestatore”. Ma negli ultimi  ha sostanzialmente ridotto il tasso di perdita delle foreste a metà, da 40.000 chilometri quadrati nel 2000 a circa 20.000 chilometri quadrati nel 2011.

– Ma di contro, il progresso del Brasile è stato più che annullato dalla crescente perdita di foresta in Malesia, Paraguay, Bolivia, Zambia, Angola e in particolare l’Indonesia, che ha visto la maggior parte della deforestazione di qualsiasi paese a partire dal 2000, L’isola indonesiana di Sumatra,  ha perso metà della sua copertura forestale naturale negli ultimi tre decenni.

– Le mappe rivelano che le politiche di alcuni paesi per fermare la deforestazione sono stati del tutto inefficaci. Dopo che il governo indonesiano ha imposto una moratoria sulle nuove autorizzazioni  di taglio nel 2011, il tasso di deforestazione in realtà è salito nel corso dei prossimi due anni.

– Stati Uniti occidentali e  Canada hanno perso molta  superficie forestale nel corso del tempo. Questo è  in gran parte  causato   da incendi, tagli  e  malattie .

– Gli incendi sono un enorme cause della perdita di foresta in Russia. 

“Cambiamenti nella copertura forestale influenzano  la fornitura di importanti “servizi ecosistemici”, compresa la ricchezza della biodiversità, la regolazione del clima, la riduzione di  anidride carbonica , di acqua”, osservano i ricercatori. Ma, aggiungono, fino ad ora, non ci sono stati mai dati globali su come l’estensione  forestale sta effettivamente cambiando.

Variazione della copertura forestale mondiale, tra il 2000 e il 2012.Verde indica la copertura forestale che non è cambiata . Nero mostra la parte non forestale. Rosso mostra la perdita della foresta. Blu indica il guadagno della foresta. Magenta mostra le aree che sono rinnovabili.

 

Storia globale dell’ambiente Amazon Image Rimboschimento e lotta alla desertificazione in Italia Amazon Image Amazzonia co yvy ore retama. Distruzione, sopraffazione, speculazione Amazon Image