di Sergey Karaganov

La relazione tra le superpotenze nucleari, tra la Russia e gli Stati Uniti  è la peggiore dagli anni ’50 e dalla crisi dei missili cubani.

Le armi nucleari hanno molte funzioni rivendicate e implicite oltre a quelle più ovvie, impediscono con la minaccia di un attacco di rappresaglia un attacco nucleare al loro paese o ai loro alleati.

Questa è anche la prevenzione di qualsiasi attacco di massa (la dottrina militare russa prevede una risposta nucleare in caso di aggressione non nucleare, che minaccia la “stessa esistenza” del paese). Se le armi nucleari vengono schierate, minacciando  una catastrofe su scala globale, così facendo, limiterà implicitamente qualsiasi conflitto importante che potrebbe portare a un’escalation a livello nucleare.

La presenza di armi nucleari e la convinzione dell’altra parte nella possibilità di usarle o di usare le forze convenzionali sotto la sua copertura è una garanzia nascosta della sicurezza di tutti gli stati amichevoli, e non solo, formalmente alleati.

Ora, per esempio, è impossibile immaginare 78 giorni di bombardamento della Jugoslavia  della NATO nel 1999. Allora la Russia  debole non era considerata uno stato capace di usare la forza.

E la NATO, prima di un’unione di difesa degli stati democratici, andò ad aprire l’aggressione.

L’esistenza di un efficace arsenale di armi nucleari e la credenza del resto del mondo nella capacità dei suoi proprietari di applicarlo è uno degli attributi principali di un grande potere di ascolto.

Le armi nucleari sono uno dei principali fattori che limitano la corsa delle armi convenzionali, trasferendo la superiorità economica attraverso di essa ad un esercito politicamente significativo. Puoi avere un arbitrariamente un grande vantaggio nelle forze non nucleari.

Ma se sono insensate per  minacciare o addirittura usare, se l’oggetto della minaccia può essere usata, quando si sta perdendo la guerra, le armi nucleari. O quando l’escalation del conflitto minaccia di degenerare a un nuovo livello.

Gli Stati Uniti hanno investito trilioni per il  riarmo non nucleare nel 1990-2000. Ma la superiorità raggiunta era inutilizzata, intraducibile in campo politico ed economico.

L’espansione del potere si è rivelata controproducente, non solo ha portato sfortune impensabili ai popoli dei paesi nei quali sono stati attaccati.

Ma ha anche causato danni significativi alle posizioni politiche, economiche e morali degli Stati Uniti nel mondo.

Quando ho studiato la storia del confronto nucleare, mi sono convinto che il contenimento vigoroso è il fattore più importante nella “civilizzazione” delle élite dei paesi.

La possibilità di una risposta e la sua applicazione si è allontanata dalla Governance sia degli Stati Uniti che dell’URSS, costringendo i restanti a essere più cauti.

Infine, l’emergere di armi nucleari è un fattore chiave nella ridistribuzione delle forze nel mondo. Per cinquecento anni dal XVI secolo, i migliori cannoni e navi da guerra in Europa sono stati il ​​fondamento su cui costruire il suo dominio politico, economico e culturale, la capacità di saccheggiare colonie o semi-colonie e ridistribuire il PIL mondiale a proprio vantaggio.

La situazione cambiò con l’emergere dell’URSS e poi con le armi nucleari della Cina. La metà del mondo è uscita da questo stato subordinato.

Poi per un secondo momento storico dal 1991 al 2007  la superiorità dell’Occidente sembrava tornare.

Ma poi, con il ripristino della Russia, con una serie di fallimenti politici e militari negli Stati Uniti, con la debolezza del modello economico occidentale rivelatosi nel 2008, la ridistribuzione delle forze non a favore dell’Occidente è potentemente ripresa.

Ho già scritto, che questa è la causa più profonda e più difficile dell’esplosione di ostilità nei confronti della Russia. Adattarsi a una nuova situazione in cui l’Occidente non è più un militare-politico, e quindi né un egemone ideologico né economico, sarà lungo.

Si potrebbe andare più in profondità, cosa che ho fatto in articoli scientifici, nell’analisi delle funzioni positive della deterrenza nucleare.

Ora presterò attenzione a un’altra funzione, fino a poco tempo fa non analizzata e nemmeno rilevata, ma sembra che sia comparsa proprio davanti ai nostri occhi. Lo spiegamento di armi nucleari e  altri sistemi strategici, era solito stimolare la corsa agli armamenti. Di norma, l’emergere di nuove armi spinge a una contro-reazione.

Soprattutto l’Unione Sovietica, che stava recuperando terreno, anche se a volte è scoppiata in avanti, provocando una risposta.

Il discorso del Presidente della Russia il 1 ° marzo ( 2018) davanti all’Assemblea federale, in cui ha annunciato che la Russia è pronta a distribuire, e di iniziare una serie di nuove armi ad alta tecnologia dei sistemi strategici o kvazistrategicheskih che possono servire come creazione di un’altra funzione delle armi nucleari – una deterrenza preventiva o la prevenzione di una corsa agli armamenti nella zona strategica.

Annuncio di missili strategici in grado di attaccare gli Stati Uniti da ogni direzione, missili da crociera e siluri con testate nucleari con raggi d’azione illimitati, missili ipersonici e testate in grado di compiere manovre che fanno della ricerca di superiorità e di invulnerabilità dell’America insensata .

E sul desiderio della loro restaurazione, anche attraverso la creazione di una difesa antimissile negli Stati Uniti, c’è qualcosa utile al consenso.

Diventa il desiderio significante di tradurre i loro vantaggi economici e tecnologici della superiorità militare attraverso il dispiegamento combinato di una nuova generazione di armi nucleari offensive e sistemi non nucleari di alta precisione a lungo raggio e il graduale dispiegamento multilivello  del sistema di difesa missilistica.

In generale la gara militare diventa perdita del denaro e non ha nessun senso.

Il principale argomento a favore di questi sistemi è che essi possono aumentare la sicurezza dell’America, per fornire benefici sia politici ed economici, di tornare al suo ruolo di leader, come lei stessa creduto nel periodo 1991-2007, disperdendo denaro.

 

Non è affatto necessario che la Russia possa e debba schierare i sistemi sopracitati, specialmente in pieno.

Non sono sistemi economici, anche se implicano dall’altra parte, risposte decine di volte più costose dall’altra parte.

Inoltre, è meglio non dispiegare alcuni di questi sistemi se si prevede alcune direzioni della corsa agli armamenti e li costringeranno ad accordarsi per limitarlo.

Anche se, naturalmente, gli orgogliosi creatori – gloria per loro – si adopereranno per il loro spiegamento.

La logica dei complessi militare-industriali funziona non solo negli Stati Uniti. È meglio creare riserve industriali per le nuove generazioni.

Inoltre i Sistemi sopraindicati svalutano e implicano ingenti investimenti nella direzione delle costruzione militari, che la Russia, per esempio, non può permettersi e non dovrebbe.

A giudicare dalla descrizione dei sistemi, alcuni di essi nella versione denuclearizzata rendono estremamente vulnerabili, se non indifesi, portaerei, altre navi da guerra le cui armi potrebbero minacciare la sicurezza della Russia, dei suoi alleati e amici.

Naturalmente, non vi sarà alcun effetto immediato. L’incandescenza della rabbia contro la Russia, il desiderio di ottenere immediatamente un pezzo di torta militare, non verrà meno.

Ma le misure annunciate da VV Putin rafforzeranno i principi realistici nei capi delle élite americane e di altre. Sottoponendosi alla volontà di negoziare.

Sebbene anche quando e se appare, non è noto come questa situazione possa essere realizzata immediatamente.

Le disposizioni saranno più difficili da raggiungere puramente dal punto di vista tecnico. Ci sono molti nuovi giocatori. Vengono utilizzate nuove generazioni di sistemi strategici e non strategici, i cui confini sono stati cancellati.

Apparentemente, pronte o vicino alla prontezza, le nuove  armi informatiche, in grado di causare danni strategici.

L’uguaglianza numerica o la parità è stato un parametro molto artificiale per limitare la corsa agli armamenti.

Abbastanza spesso la ricerca della parità non ha limitato, ma, al contrario, l’ha stimolata ( la corsa agli armamenti). E nelle nuove condizioni, questo parametro non ha alcun senso.

 

La difficoltà è anche che il ritiro unilaterale degli Stati Uniti nel 2002 dal trattato ABM, il livello dell’attuale isteria politica suicida negli Stati Uniti mina ogni credibilità della loro negoziabilità e competenza.

Ma si dovrà cercare di negoziare. Non aspettare l’aumento della  sfiducia, anche se sarà sprezzante dalla nostra parte, l’emergere di nuovi tipi di armi, compresi i nuovi giocatori, la mancanza di dialogo porterà a una guerra che potrebbe diventare la vera fine della storia umana.

 

Ma mentre la Russia, sostenendo che non permetterà il ritorno della superiorità militare, diventando sempre più chiaramente il principale fornitore di sicurezza nel mondo, non ha formalizzato questo stato attraverso la nomina e l’imposizione di un nuovo programma pacifico per lo sviluppo dell’umanità. 

Anche se il bisogno è ovvio. Un senso di ansia sta crescendo nel mondo. E la situazione reale è anche peggiore di questa sensazione allarmante. Ci sono sempre più minare la stabilità strategica, aumentando la probabilità di fallimento nei sistemi di conflitto. Le élite al potere di molti paesi sono confuse. La relazione tra le superpotenze nucleari – Russia e Stati Uniti – è peggiore che mai dagli anni ’50. e dalla crisi dei missili cubani.

Certo, non vale la pena ripetere la cosiddetta offensiva della pace sovietica fino ad oggi. Ma devi prendere l’iniziativa nelle tue mani. E non solo nelle azioni, ma in una parola, iniziare a lottare per la pace, attivando il senso di autoconservazione di paesi e popoli, collegando le mani a coloro che vorrebbero riportare indietro la storia. È necessario guardare l’immagine futura del mondo, a cui vale la pena e può cercare. Qualcosa è stato proposto da Russia e Cina con la sua grande collaborazione eurasiatica, la “cintura comune – la via comune”, la “comunità del destino comune dell’umanità”. Ma l’affermazione richiede sviluppo e concretizzazione.

 

E un’altra osservazione, dichiarata da V.V. Putin, la disponibilità a schierare nuovi sistemi strategici super-tecnologici non è solo un “contenimento preventivo” della corsa agli armamenti.

Questo ancora una volta ricorda ai nostri partner l’irreversibilità della fine della regola dei 500 anni dell’Europa, poi dell’Occidente nel sistema mondiale. Per dispiegare il corso della storia degli Stati Uniti, e in parte gli europei stanno effettivamente dispiegando una seconda “guerra fredda” per riconquistare le posizioni perse negli ultimi decenni. Ma il mondo è diverso, e il risultato sarà diverso.

L’analisi preliminare mostra che le risorse militari, politiche, economiche, morali, intellettuali della Russia, della Cina, sono radicalmente più alte di quelle che vogliono una vendetta.

È necessario non lottare per questo, ma prepararsi a vivere in un mondo nuovo, fortemente competitivo, ma molto più giusto, per costruire per esso un nuovo ordine globale anziché il vecchio che sta crollando sotto gli occhi.

Ma mentre la Russia, sostenendo che non permetterà il ritorno della superiorità militare, diventando sempre più chiaramente il principale fornitore di sicurezza nel mondo, ma non ha formalizzato questo stato attraverso la promozione e l’imposizione di un nuovo programma pacifico per lo sviluppo dell’umanità. 

Anche se il bisogno è ovvio. Un senso di ansia sta crescendo nel mondo. E la situazione reale è anche peggiore di questa allarmante sensazione. Ci sono sempre più fatti che minano  la stabilità strategica, aumentando la probabilità di fallimento nei sistemi di conflitto.

Le élite al potere di molti paesi sono confuse.

La relazione tra le superpotenze nucleari – Russia e Stati Uniti – è peggiore che mai dagli anni ’50. e dalla crisi dei missili cubani.

Certo, non vale la pena ripetere la cosiddetta “offensiva della pace sovietica” fino ad oggi.

Ma deve prendere l’iniziativa nelle sue mani. E non solo nelle azioni, ma in una parola, iniziare a lottare per la pace, attivando il senso di autoconservazione di paesi e popoli, collegando le mani a coloro che vorrebbero riportare indietro la storia. È necessario guardare l’immagine futura del mondo, a cui vale la pena e la si deve cercare.

Qualcosa è stato proposto da Russia e Cina con la sua grande collaborazione eurasiatica, la “cintura comune – la via comune”, la “comunità del destino comune dell’umanità”.

Ma l’affermazione richiede sviluppo e concretizzazione.

di Sergey Karaganov

Pubblicato in Rossiyskaya Gazeta (numero federale 7514 (51)) il 12 marzo 2018.

http://karaganov.ru/publications/478

Traduzione in corso.

LEAVE A REPLY