Con il diffondersi della “polmonite di Wuhan” (“coronavirus“, Sars-CoV-2), il numero di infezioni in tutto il mondo continua ad aumentare. In molte parti del mondo si sono verificate carenze di maschere e anche a Hong Kong la situazione è molto difficile. 

L’ospedale di Shenzhen e il Consiglio dei consumatori dell’Università di Hong Kong, l’Istituto di ricerca scientifica e tecnologica di Hong Kong, il Parco scientifico e tecnologico di Hong Kong e il Dipartimento di architettura e ingegneria civile dell’Università di Hong Kong hanno istituito gruppi di lavoro per vedere come si possano realizzare maschere fatte in casa con fazzoletti di carta, carta da cucina e film di plastica, ma capaci di superare i test di laboratorio.

Dopo prove scientifiche, è stato dimostrato che la funzione protettiva di queste maschere “fai da te” può raggiungere oltre il 90% dell’effetto delle maschere chirurgiche.

Gli esperti della National Health and Health Commission hanno inoltre sottolineato che il nuovo coronavirus può sopravvivere per diverse ore su superfici lisce e può sopravvivere per giorni a una temperatura di 20 gradi e un’umidità del 40% Pertanto, se purtroppo entri in contatto con questi oggetti, potresti essere infettato dal virus.

È possibile riutilizzare le maschere chirurgiche?

Il team di lavoro inoltre ha dimostrato attraverso esperimenti che le maschere chirurgiche che sono pulite e disinfettate dopo il loro utilizzo  (tra cui: maschere chirurgiche spruzzate con il 75% di alcol a mano sulla superficie più esterna delle maschere chirurgiche maschere chirurgiche lavate con acqua saponata 60 ° ), risultano danneggiate. L’esame al microscopio elettronico a scansione ha mostrato che lo strato impermeabile esterno era danneggiato e la funzione impermeabile era invalidata; anche le fibre del materiale dello strato intermedio erano danneggiate, deformate e rimpicciolite; oppure l’integrità della fibra era danneggiata, influenzando le prestazioni di filtraggio e perdendo l’effetto protettivo.

Il gruppo di lavoro ricorda  di non tentare di pulire o disinfettare la superficie o qualsiasi parte della maschera con qualsiasi metodo, inclusi acqua, alcool, detersivo per piatti, sapone, sapone o altri metodi di disinfezione.

Maschere fatte in casa fai-da-te

Le maschere fatte in casa fai-da-te devono fare riferimento al triplo design delle maschere mediche, che deve includere:

  • impermeabilizzazione dello strato superiore,
  • filtrazione dello strato intermedio, 
  • assorbimento d’acqua dello strato inferiore,

Inoltre tali maschere devono soddisfare cinque requisiti principali: sicurezza, facilità di acquisto dei materiali, facilità nella loro scelta, facilità nella realizzazione, semplicità nell’essere indossate. In questo modo possono garantire protezione ai cittadini e consentire loro di confezionarle in modo semplice e sicuro.

I materiali utilizzati sono:

  • Impermeabilizzazione di superficie – copertura in plastica trasparente per articoli da cancelleria da usare come pellicola per le maschere
  • Filtrazione centrale – in carta da cucina
  • Assorbente interno tre o quattro strati di fazzoletti di carta

“Le maschere fatte in casa possono solo rappresentare un’alternativa per coloro che non hanno altre soluzioni ma devono comunque proteggersi dalle infezioni. Non possono sostituire le maschere chirurgiche, ove queste siano reperibili

I consigli del gruppo di lavoro su come realizzare e usare queste maschere fatte in casa:

  • Prima di realizzare e indossare una maschera, lavarsi le mani con acqua e sapone o strofinare con alcool;
  • Prima di uscire, mettere diverse maschere in un sacchetto compatto dove conservarle ed estrarle per sostituire la maschera già usata in precedenza;
  • Quando si utilizza una maschera fatta da sé, la faccia composta da fazzoletti è rivolta all’interno, alla bocca e al naso, mentre la superficie in carta da cucina è rivolta all’esterno. Va indossata per un periodo di tempo limitato, come una o due ore, e quindi sostituita; va sostituita immediatamente anche se il tessuto nella maschera risulta bagnato;
  • Non riutilizzare mai le maschere fatte in casa: le parti non impermeabili (che non sono riutilizzabili) vanno gettate nella spazzatura;
  • Quando lo si indossa, prima di rimuovere l’equipaggiamento protettivo bisogna pulire le mani; se togli la maschera in casa, è meglio preparare un disinfettante; tolta la maschera, rimuovi le parti di carta e gettale immediatamente nella spazzatura. Poi pulisci immediatamente le mani;
  • Non riutilizzare i fogli di carta delle maschere fatte in casa, neanche per altri scopi, come, per esempio, per pulire in cucina o in bagno;
  • La parte della maschera in pellicola di plastica, una volta usata deve essere pulita e disinfettata con candeggina o alcool diluito in 1:49 o con sapone liquido detergente e acqua prima di riutilizzarla. Ma se tale pellicola protettiva in plastica appare evidentemente contaminata, sporca o screpolata, non deve essere riutilizzata; va gettata anch’essa in un cestino coperto e poi bisogna pulire immediatamente le mani;
  • Se cambi la maschera fuori casa, in strada, devi mettere la maschera usata in un altro sacchetto sigillato, gettarla nel cestino o, se no, portarla a casa e gettarla in un cestino coperto. Non gettarla dove capita.
  • Se ci si reca in ospedali, cliniche e altri luoghi ad alto rischio di infezione, se possibile, è meglio indossare una maschera chirurgica con specifiche appropriate. In caso di malessere o sospetto di infezione o sintomi di problemi alle alte vie respiratorie, consultare immediatamente un medico.

La procedura per preparare la maschera fai-da-te

1. Pulisci accuratamente le mani e gli utensili

2. Utilizzare due diversi tipi di carta da cucina o sovrapporre due fogli di carta da cucina (anche dello stesso tipo) ruotati di 90 gradi. Lo scopo è quello di evitare il più possibile la sovrapposizione delle posizioni dei fori, per ridurre così lo spazio tra le fibre goffrate. Occorre ottenere una maschera con capacità filtranti

3. Poggiare sui due fogli di carta da cucina, il fazzoletto di carta, che funge da strato assorbente dell’umidità all’interno della maschera

4. Piegare la carta da cucina e il fazzoletto di carta e tagliare a metà, quindi incollare i bordi di ciascuna parte con un nastro adesivo di carta, largo di circa 5 centimetri. (Se non c’è nastro adesivo è possibile utilizzare una pinzatrice, ma tenendo presente che le graffette vanno poste in modo tale da evitare di graffiarsi.)

5. Bucare entrambi i lati della maschera con una foratrice per fogli di carta

6. Aggiungi filo di ferro rivestito in gomma per dare consistenza longitudinale alla maschera. Evita di usare filo di ferro non rivestito per evitare graffi.

7. Collega ai fori 4 elastici o corde, e regolane la lunghezza (assicurati che la faccia della maschera non sia troppo larga o troppo stretta)

8. Quindi taglia la busta di plastica trasparente in due pezzi di pellicola: questo sarà lo strato impermeabile esterno della maschera

 

9. Se si indossano gli occhiali, è possibile utilizzare due clip per agganciare il film trasparente agli occhiali, sui lati sinistro e destro. Appoggiare la maschera sul volto (il lato con il fil di ferro va verso l’alto) e farla bena aderire, quindi legare gli anelli di gomma / corda alle orecchie, e infine indossare gli occhiali cui è stato collegato il film trasparente.

 

Tratto da:

【武漢肺炎】港大深圳醫院教用廚房紙+膠片自製口罩,指過濾功能可夠達外科口罩九成以上。

 

 

LEAVE A REPLY